flag_it flag_en
avvisi
logo_munus logo_munus Concorso di Fotografia Villa Pisani 2016

News e Curiosità


- Un museo in paroLIS a Villa Pisani
Schede illustrate per bambini in italiano e LIS (lingua dei segni italiana)
Per la prima volta anche i piccoli visitatori del museo di Villa Pisani avranno a disposizione una speciale guida per orientarsi, divertendosi, nelle sale del museo e nel parco.
23 schede illustrate con immagini, parole e segni (LIS), per una lettura adatta anche ai bambini con disabilità linguistiche e/o uditive.
Il materiale potrà essere richiesto gratuitamente presso la portineria del museo.
Progetto di accessibilità museale a cura di Odilia Notarangeli.

- Per motivi di sicurezza è consentito l'accesso alle sale del museo ad un massimo di 1800 persone al giorno, suddivise in fasce orarie, che vanno rigorosamente rispettate.
Solo per l'accesso al parco è consentito superare tale numero.

- TESORI RESTITUITI: Zais e Zuccarelli ritornano a splendere a Villa Pisani.
Dal 9 ottobre 2013 saranno esposti nelle sale del piano nobile di Villa Pisani due tele di Francesco Zuccarelli ed una di Giuseppe Zais. I tre dipinti, facenti parte delle collezioni del museo, sono stati restaurati grazie al contributo del Rotary Club Riviera del Brenta in occasione delle celebrazioni per il trentennale di attività. Il restauro è stato curato dal Conservatore della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle province di Venezia, Belluno, Padova e Treviso Ileana Della Puppa ed eseguito da Zattin e Restano. I quadri, dopo il restauro, sono ritornati alle tonalità cromatiche originali e mostrano vivaci soluzioni compositive. I tre dipinti appartengono al genere del paesaggio, molto in voga nel Settecento. Il pittore bellunese Giuseppe Zais e il grossetano Francesco Zuccarelli si sono espressi ai massimi livelli artistici proprio nel panorama veneziano e proprio per la residenza estiva dei nobili Pisani con frizzanti scene di caccia e suggestivi scorci di paesaggi veneti. Le tele, ritornate oggi alla loro bellezza originaria, conservano tuttora, sul retro delle cornici, le antiche punzonature inventariali che testimoniano la presenza delle stesse nelle collezioni storiche del museo. Il Paesaggio montano con il ponte di Giuseppe Zais è documentato addirittura dalla stima dell’architetto Gian Antonio Selva del 1806 ed è un omaggio pittorico alle maestose montagne cadorine, mentre le due tele di Francesco Zuccarelli, Donne alla fonte e Caccia al cervo, risultano in un cospicuo gruppo di 21 paesaggi in tutti gli inventari storici a partire dal 1839.

- A TAVOLA CON LA STORIA
Il fasto di antichi banchetti rivive oggi nella restaurata Sala da Pranzo del Museo Nazionale di Villa Pisani. La fragile bellezza di maioliche, vetri e porcellane è miracolosamente giunta fino a noi, e grazie ad un accurato restauro finanziato da Venetian Heritage Inc.e dall'UNESCO, oggi si puo nuovamente apprezzare. Sulle splendide piattaie e sulle credenze rococò sono esposti più di cinquanta pezzi in cui si declina tutta la grazia dell’arte ceramica e vetraria del Settecento e del primo Ottocento. Così come all'epoca dei banchetti della corte napoleonica, la tavola è apparecchiata con un servizio di porcellana francese, bicchieri e bottiglie empire in vetro inciso e un imponente centrotavola in alabastro, in cui otto menadi danzano intorno al tempio di Bacco.
La Sala da Pranzo è visitabile durante le ore di apertura del museo al pubblico.

- PASS ACTV
Dal mese di aprile 2015 sarà in vendita il nuovo Pass ACTV che offre agli operatori e ai visitatori della Riviera del Brenta un biglietto integrato della durata di 24h che consente di raggiungere Venezia con la linea di autobus n.53 e di usufruire della rete di navigazione il tutto comodamente con un unico titolo di viaggio (biglietto elettronico) precaricato.
Info: www.actv.it

- IL PARCO DI VILLA PISANI È VINCITORE DEL PREMIO "IL PARCO PIÙ BELLO D'ITALIA 2008"
Il parco storico di Villa Pisani è vincitore dell'edizione 2008 del prestigioso premio "Il Parco più bello d'Italia".Il concorso è nato negli Stati Uniti negli anni Novanta per promuovere al grande pubblico le aree verdi e, nel 2003, grazie alla sponsorizzazione di Briggs&Stratton, è stato importato anche in Europa (Germania, Inghilterra, Francia, Svezia e Italia), dove ogni anno i più bei parchi e giardini concorrono per il titolo nazionale.
Il parco vincitore è stato oggetto di un accurato restauro effettuato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Venezia Belluno Padova e Treviso con fondi del MIBAC e diretto dall'Arch. Giuseppe Rallo. Dopo questo intervento, è stato restituito al pubblico, non solo come luogo di stupore per migliaia di turisti che ogni anno lo visitano: è, infatti, l'ambientazione ideale per distensive passeggiate, nonché sede di eventi culturali e luogo di studio e di approfondimento grazie alle numerose attività organizzate per scuole e adulti dal Servizio Educativo del Museo.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione e offrirti il miglior servizio possibile. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.